Psicologia e Psicologo: quando rivolgersi allo Psicologo

“La psicologia si occupa di studiare il comportamento umano e cerca di comprendere ed interpretare quali sono i processi mentali e affettivi che lo determinano.
La psicologia ha molti oggetti di studio, ricordiamone solo alcuni come la memoria, l’apprendimento l’affettività e la frustrazione il conflitto le relazioni , la personalità e l’io e la sfera dell’inconscio” (Ord.Psic.E-R 2004).

Quando rivolgersi allo psicologo. Sono tante le situazioni in cui è utile far ricorso alla consulenza di uno psicologo: chiunque si senta in una condizione in cui ritiene di avere necessità  di un sostegno nella soluzione di difficoltà personali o di tipo familiare, o di coppia, o di lavoro, ecc. In ambito clinico, spesso le richieste sono legate a situazioni di conflitto e ansia legate a sé e agli altri, alla propria percezione corporea, alla propria condizione psico-fisica e intellettiva, alle difficoltà di relazione e alla condizione di genitorialità.

Chi è lo Psicologo

“La professione di psicologo comprende l’uso degli strumenti conoscitivi e di intervento per la prevenzione, la diagnosi, le attività di abilitazione-riabilitiazione e di sostegno in ambito psicologico rivolto alla persona , al gruppo, agli organismi sociali e alle comunità. Comprende altresì le attività di sperimentazione, ricerca e didattica in tale ambito”.(Legge 56/89 art. 1)
Lo psicologo presta la sua attività sia nel settore privato svolgendo la libera professione o esercitando in strutture private e/o convenzionate) sia nel settore pubblico ( AUSL, scuole, servizi socio sanitari dei comuni, Provincie, Regioni ed altri Enti locali ecc…).
Lo psicologo fornisce ai suoi utenti un aiuto non farmacologico, basato su colloqui di sostegno, strumenti diagnostici, consulenze, ecc.

Attualmente esistono due tipi di laurea:

1) Laurea triennale al termine della quale non si accede al titolo di psicologo,  ma di dottore in tecniche psicologiche.
2) Laurea Specialistica  che dura 5 anni, al quale si accede alla sezione A dell’albo e che riconosce il titolo di psicologo.

Quindi, per esercitare la professione di Psicologo è necessario svolgere un tirocinio pratico di un anno, dopodiché conseguire l’abilitazione in psicologia mediante l’esame di Stato ed infine iscriversi nell’apposito albo professionale.

Quanto costa una visita dallo Psicologo e quale è la durata?

I costi sono variabili a seconda della durata complessiva e del costo della singola seduta.

Qui puoi trovare un’indicazione di massima delle tariffe, poichè il recente art. 9 del D.L. n. 1/2012 ha abolito “le tariffe delle professioni regolamentate nel sistema ordinistico” che devono ritenersi abrogate dal 24 gennaio 2012.
E’ da ricordare che le prestazioni (essendo sanitarie) sono esenti Iva, scaricabili al 19% allegando la fattura di ogni prestazione alla Dichiarazione dei Redditi.
Si va indicativamente da un minimo di 5 sedute, in genere necessarie per fare una diagnosi ed aiutare il paziente a capire quale è l’origine del problema, mentre la durata  è molto variabile e dipende da numerosi fattori (la complessità del problema, le aspirazioni del paziente, le sue possibilità economiche, ecc).